Vienne 2017

di Mihaela Bendrea. 

In occasione del 145esimo anniversario dell’Istituto Robin di Vienne (Francia), città gemellata con Udine da più di 30 anni, il nuovo Direttore generale della scuola ha voluto organizzare un simposio internazionale con alcune scuole gemellate. Lo scopo di questo simposio era quello di far incontrare le delegazioni di alcuni paesi per conoscersi e per discutere insieme sul tema “Un’opportunità per tutti, un’opportunità per ognuno” per i docenti, mentre per gli studenti “Ciò che mi rende fiero della mia scuola”, e sulle innovazioni che ogni paese potrebbe apportare per renderla migliore.

L’attività si è svolta durante la prima settimana di ottobre: l’Istituto Robin ha accolto 11 delegazioni scolastiche di 8 paesi tra cui la Cina, il Canada, il Marocco, la Norvegia, la Scozia, la Spagna, la Germania e l’Italia. Essendo un avvenimento abbastanza ristretto, solo alcuni alunni delle scuole Deganutti e Percoto hanno avuto la chance di rappresentare l’Italia, accompagnati dai Direttori e da alcuni docenti di lingua francese. Tutte le delegazioni hanno dovuto presentare il proprio istituto e le attività che vi si svolgono. Questa parte del simposio ha suscitato maggior interesse soprattutto nei ragazzi presenti, perché in questo modo hanno potuto conoscersi meglio e conoscere i paesi dai quali provengono.

Ai momenti di lavoro si sono alternati anche eventi di divertimento: i ragazzi hanno avuto la possibilità di scoprire la regione facendo un piccolo viaggio su un treno a vapore del 1900 e visitando la rinomata fabbrica di cioccolato Valrhona. In momenti come questi quindi, i ragazzi hanno potuto comunicare tra di loro attraverso le lingue apprese a scuola, facendo amicizie e legando tantissimo tra loro.

Durante questa settimana però sono stati messi alla prova anche con la lingua francese, facendo full immersion nelle lezioni in lingua, rispondendo alle domande degli alunni delle elementari e passando le serate nella famiglia ospitante.

Alla fine della settimana, l’obiettivo di quest’attività è stato raggiunto: i docenti e i direttori presenti hanno stabilito di iniziare o continuare a fare scambi culturali con le scuole presenti al fine di tenersi in contatto e di creare dei legami forti tra le scuole; mentre i ragazzi hanno deciso di tenersi sempre in contatto attraverso i social, proponendo anche diversi viaggi per incontrarsi di nuovo e vivere esperienze indimenticabili.

Mihaela Bendrea